Tribunale di Arezzo

Ammessa al sovraindebitamento tramite liquidazione del patrimonio una signora che, rimasta vedova, non riusciva più a sostenere i debiti contratti quando il marito era in vita.

E’ quello che è successo ad una signora di Montevarchi, che non ha avuto altra scelta che accedere ad uno dei procedimenti di cui alla legge 3/2012: mettendo a disposizione una piccola porzione di un immobile ereditato e la somma di 230 € al mese per 4 anni, la debitrice potrà alla fine ottenere l’esdebitazione per circa 100.000 €.

La procedura prescelta è stata la liquidazione del patrimonio. Un primo tentativo con il piano del consumatore, a cui può accedere unicamente chi ha obbligazioni non imprenditoriali o professionali, non andava a buon fine perché il giudice non considerava assolutamente certa la natura personale di uno dei debiti (si trattava di una somma ricevuta da una finanziaria per ristrutturare un immobile del marito: il decorso del tempo e la morte del coniuge hanno reso impossibile la dimostrazione che l’importo finanziato fosse stato utilizzato effettivamente per tale finalità). Poco male: la debitrice ha ripresentato una nuova domanda, questa volta di liquidazione del patrimonio, offrendo esattamente gli stessi beni e la stessa quota di reddito indicati nel piano del consumatore, ma con una durata inferiore (4 anni anziché 5).

Altri casi risolti

Sei sommerso dai debiti? Non sai cosa fare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi